«

»

Lug 01

1000 GRAZIE

gettone-vocazione di san matteo-redenzionedall avarizia

1000 Grazie.

 

E’ proprio il caso di dirlo, 1000 grazie!!! 1000, come gli Euro che sono confluiti nel fondo sociale comunale grazie alla rinuncia al gettone presenza fatta da alcuni consiglieri comunali Rescaldinesi. E tutto ciò è stato possibile grazie ad un emendamento presentato dal MOVIMENTO 5 STELLE RESCALDINA in occasione dell’ approvazione del bilancio preventivo dello scorso anno, luglio 2014.

Ma chi sono questi probi consiglieri che non si sono lasciati sfuggire l’occasione di devolvere al fondo sociale il loro sudato emolumento,  che hanno voluto lanciare un bel segnale rinunciando a ciò che a loro in fondo non cambierebbe minimamente la vita ma sarebbe di ottimo esempio per tutti ? Chi sono questi martiri del gettone che hanno deciso di fare attività politica locale all’insegna del volontariato, non pretendendo nulla in cambio ?

Scopriamolo leggendo la risposta che abbiamo ricevuto dall’accesso agli atti fatto a questo riguardo giorni fa :

 

“Buongiorno.

Comunico che  l’ammontare del fondo sociale è per il 2014 di euro 633,00 mentre per il 2015, da gennaio ad oggi , ammonta complessivamente   ad euro 359,82 (euro 59,97 per consiglio comunale e euro 299,85 per commissioni).

L’unico consigliere che ha rinunciato al gettone è lei (<<Pierangelo Colavito – Movimento 5 stelle- ndr>>, oltre al cons. Casati Riccardo che ha rinunciato al gettone della commissione urbanistica dell’11 giugno a favore del fondo (euro 19,99) “

 

 

Onore al merito quindi a Pierangelo Colavito del Movimento 5 Stelle, perchè come sempre è stato coerente con quanto promesso in campagna elettorale.

Onore anche al consigliere  Riccardo Casati, che non potendo partecipare per intero alla commissione urbanistica da lui presieduta, ha restituito il gettone a cui avrebbe avuto comunque diritto. Che sia l’ inizio di un percorso virtuoso che parte proprio dai più giovani?

Onore (un po’ meno però) a tutti i consiglieri che in questo anno di attività, pur non avendo mai preso la parola una sola volta in consiglio comunale o in commissione, hanno pensato che il loro gettone, previsto e garantito dalla legge, fosse un benefit irrinunciabile….per voi la strada è ancora lunga.

Onore (il minimo sindacale questa volta ) anche a tutti i consiglieri che non hanno saltato una commissione od un consiglio, ma non si sono visti ai gruppi di lavoro tematici (per i quali il gettone non è previsto)….qua proprio non c’è speranza.

 

Chiudiamo infine mettendo qualche puntino sulle “i” , come è recentemente piaciuto fare ad un Giovane Consigliere (che abbrevieremo in G.C.) nei nostri riguardi:

 

 

La “i” di IMPRECISIONE, ad esempio, visto che il G.C.  durante lo scorso Consiglio Comunale sul bilancio 2015, al nostro reiterato invito a tutti i consiglieri alla rinuncia al proprio gettone (gesto che ha permesso la restituzione alla cittadinanza di 1000 euro), ha pensato bene di bacchettarci sottolineando che gli euro restituiti  (o destinati al fondo, che dir si voglia) non erano 1000, ma “solo” 600 (vedi accesso agli atti).

 

La “i” di IDEOLOGICO, motivo per cui, a detta del G.C., il Movimento 5 Stelle Rescaldina non incassa il proprio gettone; una battaglia “ideologica” il cui risparmio però  non permette di fare più di tanto…

 

La “i” infine di INOPPORTUNA, la critica fatta  dal G.C. ad un bel gesto , fatto da altri consiglieri comunali , che fino ad adesso ha permesso la restituzione di 1000 euro ai cittadini. Se l’avesse abbracciata anche il G.C. questa “IDEOLOGIA”, adesso sarebbero già 2000 gli euro nel fondo.

 

(qui il link dove potete sentire la simpatica bacchettata fattaci dal G.C. , a 2:30:00)

https://www.youtube.com/watch?v=15mcQrj2bnw

 

 

Un tale, sentendosi male, chiama il 118; una volta arrivata l’ambulanza però, quel tale si rifiuta di salire sulla lettiga, nonostante le insistenze dei soccorritori :” No, no, no! voi volontari non percepite compenso per questo che state facendo; il soccorso che mi volete portare è guidato da motivi IDEOLOGICI!!! Non posso accettare tutto ciò!!! “

“Ma certo”, tentavano di rispondere i volontari ” i nostri sono motivi ideologici, pensiamo che chi può debba fare del bene alla sua comunità, senza pretendere niente in cambio, con il solo fine di essere di servizio, è una cosa buona, stia tranquillo. Si lasci soccorrere, e quando si sarà ripreso potrà sperimentare anche lei questa maniera di fare, e si renderà conto che a guadagnarci è l’intera collettività, noi e lei compresi”

Niente da fare. Quel tale non si è lasciato soccorrere, anzi, ha investito le sue ultime energie rimaste nell’attaccare verbalmente i volontari, colpevoli di ATTEGGIAMENTI IDEOLOGICI.

Inutile dire che quel tale, non ce l’ha fatta….

 

 

IDEOLOGIA ( a cui IDEOLOGICO si riferisce) : complesso di credenze, opinioni, rappresentazioni, valori che orientano un determinato gruppo sociale.

 

E’ una cosa brutta?

3 comments

  1. Gianluca Crugnola

    Cari Amici del Movimento 5 Stelle e caro Massimo Oggioni, perché 1) dal tono usato non puoi che essere tu l’autore dell’articolo; 2) a me piace parlare per nomi e cognomi, senza abbreviazioni e acronimi inutili,
    scrivo questo commento per alcune precisazioni:
    – rimando al mittente la “i” di imprecisione e sottolineo che a) effettivamente sul bilancio 2014 l’ammontare del risparmio è di circa euro 600 (633 per la precisione) e non 1.000 come da voi evidenziato. La prova inconfutabile di questo ammontare risiede proprio nell’estratto da voi pubblicato b) non sono stato io a precisare l’importo mettendo i puntini sulle “i”, bensì un Consigliere di maggioranza. Quindi se si parla di imprecisione, siete voi i maestri!
    – contesto altresì le “i” di ideologico e di inopportuno: l’appunto avanzato, infatti, voleva sottolineare innanzitutto che la vostra continua richiesta richiesta di rinuncia al gettone di presenza fosse soltanto strumentale, tutto il resto è pura fantasia, e mi spiego. In primis, ritengo personalmente che ogni lavoro debba essere adeguatamente retribuito. Ora, la preparazione di una commissione o di un Consiglio Comunale richiede ore e ore di tempo (nel caso in cui vi sia un Consigliere che faccia interventi consistenti, è ovvio, non nel caso di consiglieri silenti o inefficaci…!!!). 19,99 euro a seduta mi sembra una cifra davvero irrisoria di fronte alle ore di lavoro spese, nonché alle varie spese riscontrate per chiarimenti con gli uffici, spostamenti in Comune, eventuali ore di permessi di lavoro non retribuite per poter essere presenti a commissioni senza chiedere rimborsi a carico dell’ente, etc. In ogni caso, al di là di questa posizione personale, mi era d’obbligo sottolineare come vi scandalizzaste per consiglieri che non rinunciano a 19.99 euro LORDI di gettone di presenza, quando abbiamo ben altre spese non controllate e costi politici ben più pesanti!
    Tanto vi era dovuto, così per completezza di informazioni e obiettività anche nella critica, con un invito a pensare a sottolineare le cose veramente importanti e non i battibecchi da osteria… avete un consigliere comunale che ha ben capito quali siano le priorità e i trabocchetti nella gestione della cosa pubblica, non cadete nel facile populismo e nell’attacco indiscriminato a 360 gradi. Perché a costruire ci vogliono anni, a distruggere bastano pochi secondi… E alcuni di voi finora si sono dimostrati abili e capaci solo nel distruggere… Non mi meraviglierei se l’impeto distruttivo avesse l’egemonia su quello costruttivo! Perché chi tenta di costruire spesso è costretto dalla propria natura a farsi da parte, costretto a cedere all’impeto della distruzione… Potrei sbagliarmi, ma non credo… Ai posteri l’ardua sentenza!
    G.C. (anzi, Gianluca Crugnola)!

  2. Massimo Oggioni

    Caro Gianluca Crugnola,

    comincio con il ringraziarti per la stima che, con le tue parole, dimostri di riporre in me. Mi elevi, ahimè immeritatamente, al rango di vate. Arrossisco per il complimento.
    Dici di riconoscermi come autore di un articolo in base al tono usato, nonostante sia piuttosto difficile confrontarlo con altri miei scritti, non essendo io nè giornalista, nè scrittore o pubblicista, e nemmeno amante delle belle pubbliche lettere. La verità che proponi è una verità supposta, e come tale, purtroppo, destinata a luoghi meno nobili rispetto a quelli per i quali l’hai pensata.
    Nonostante i tuoi buoni propositi nei miei confronti, però, ti faccio notare che ti sei preso la libertà di coinvolgere in un legittimo dibattito in atto tra forze politiche,un semplice e privato cittadino, che nessun incarico ricopre e che in nessuna maniera ha preso pubblica posizione nel merito della questione in oggetto. Ad una contestazione ricevuta (come consigliere comunale, e quindi come rappresentante di un potere pubblico) da una forza politica, hai pensato di rispondere ad un semplice cittadino. Ritengo questa tua una grave scorrettezza. Mentre tu, come rappresentante eletto di un potere pubblico, hai il dovere morale di rispondere ai tuoi datori di lavoro (quelli che ti corrispondono, tra l’altro, il non adeguato gettone presenza che percepisci), i cittadini per intenderci, i cittadini stessi non hanno assunto alcun dovere morale nei confronti dei loro rappresentanti eletti, tra cui tu. Tienilo a mente.
    Sei però giovane, e quindi, ti suggerisco di approfittare di questo brutto scivolone per riflettere su come stai espletando il mandato che ti è stato conferito , ai fini di un tuo miglioramento. Far tesoro dei propri errori è indice di grande intelligenza.

    Cordialmente
    Massimo Oggioni

    P.S. Ne approfitto, vista la stima di cui mi hai fatto oggetto, per darti un consiglio “letterario”: nella tua risposta citi dei “battibecchi da osteria” e a dei lettori disattenti questo potrebbe sembrare un paragone con accezione negativa. Non tutti infatti sono a conoscenza che è proprio un osteria che hai eletto a sede pubblica del tuo gruppo politico (dal tuo sito : “Ritrovo: mercoledì, ore 21.00, presso IL CIRCOLO via Matteotti 56”) e che quindi la tua affermazione aveva un fine tutt’altro che negativo. Io, che la penso come te, l’ho capito subito, ma è un attimo confondersi.

  3. Pierangelo Colavito

    Caro Gianluca, spiego a te a tutti una volta per tutte come funziona la pubblicazione dei post su questo sito.

    questo sito è stato creato dalla lista Movimento 5 Stelle di Rescaldina che io rappresento come portavoce in comune, tutti i post pubblicati vengono pensati, scritti e discussi dagli attivisti, poi DEMOCRATICAMENTE si decide di pubblicare, modificare ecc. ecc. i vari post, nessun attivista è autorizzato a postare su questo sito a proprio nome se non come risposta, pertanto il post in questione è stato pensato, scritto, corretto e votato da noi attivisti e non dalla singola persona.

    sulla cifra in questione, siamo ad oggi già oltre i 1000 euro, in quanto ci sono già state altre commissioni, pertanto  andrebbe cambiato il titolo in “1000 e rotti grazie” così siamo più precisi?

    sul gettone presenza hai già espresso il tuo pensiero su quello che deve guadagnare un consigliere, ed è questa la differenza tra “NOI”  e “VOI POLITICI”, “NOI” siamo cittadini prestati alla politica, pertanto rinunciare al gettone per me e per “NOI” del gruppo non è una cosa strumentale, ma bensì rispettare quello scritto e detto nel nostro programma, pertanto non mi sembra una cosa strumentale, ma bensì COERENZA!!!!

    comunque avremo modo di confrontarci su molti argomenti a 360 gradi……

    Pierangelo Colavito Portavoce M5S Rescaldina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Commenti protetti da WP-SpamShield Spam Plugin