«

»

Apr 16

NOTIZIE DAL FRONTE

Rieccoci con il quarto appuntamento con le notizie dalla prima linea della politica locale, dove i portavoce a 5 stelle sono quotidianamente impegnati nella difesa dei diritti dei cittadini, in quella che è una autentica guerra di trincea, mantenendo a volte le posizioni conquistate, ed avanzando tutte le volte che è possibile.

Vi raccontiamo tutto quello che normalmente ai cittadini non si racconta, perché il cittadino non informato è più facilmente gestibile.

NOTIZIE DAL FRONTE, bollettino n° 4

Rapporto sul consiglio comunale del 28 Marzo 2018. In questo consiglio abbiamo conseguito dei risultati importanti, in tema di trasparenza e di tutela dei nostri diritti.

  • Punto 1, “APPROVAZIONE VERBALI PRECEDENTI”. Niente da dire
  • Punto 2, “PRIMO PRELIEVO DAL FONDO DI RISERVA”;

40.400 € che vengono prelevati per assolvere alle spese correnti in attesa che lo Stato rimborsi quanto il comune ha dovuto anticipare per le elezioni politiche appena svolte. Niente da segnalare.

  • Punto 3, si sarebbe qui dovuta discutere un interrogazione presentata dal gruppo “NOI X” riguardante la mancata realizzazione del campo da calcio, progetto vincitore del bilancio partecipativo scorso. Il budget stimato in fase di bilancio partecipativo si era rivelato infatti sottostimato, e la società  RESCALDA Calcio non era in grado di coprire la differenza per la realizzazione. Data l’assenza imprevista del consigliere Crugnola, firmatario dell’ interrogazione (a cui porgiamo gli auguri di una pronta guarigione),che farebbe decadere l’interrogazione,  il Sindaco decide di comunicare ugualmente che in merito la Giunta ha deciso di realizzare comunque il nuovo campo da calcio. Siamo sinceramente perplessi su come queste decisioni vengano prese, visto che non si è trattato minimamente l’argomento in nessuna commissione, ma ci riserviamo di prendere una posizione in merito non appena avremo maggiori informazioni. Per ora comunque, alla luce dei risultati dei primi due anni, il progetto del bilancio partecipato, che in linea generale caldeggiamo molto, sta avanzando con molte difficoltà ed ombre.
  • Punto 4, interrogazione presentata dal Movimento 5 Stelle in merito allo “SMALTIMENTO DELLE ECOBALLE DELLA DITTA ECOSYSTEM A BUSTO ARSIZIO, E FUTURO DI ACCAM

L’inchiesta condotta da fanpage.it del febbraio 2018 in cui sono emersi scenari allarmanti legati allo smaltimento delle ecoballe campane, con coinvolgimento di camorra e criminalità in genere, ha evidenziato come anche l’inceneritore ACCAM di Busto Arsizio, di cui il comune di Rescaldina è socio, abbia ricevuto materiale da incenerire nel 2017. Chiediamo quindi alla Giunta di fare luce sulla questione che ci riguarda, e di dichiarare quale è la posizione in merito al futuro dell’ inceneritore.

Ci risponde l’assessore Matera, indicandoci che nel 2017 sono state smaltite effettivamente 117 tonnellate di Ecoballe campane provenienti dal sito indicato dall’ inchiesta, che non sono in programma nuovi arrivi per il 2018 e che il prezzo di conferimento è stato di 105 € per tonnellata. Il codice identificativo dei rifiuti inceneriti risulta essere il 191212 (rifiuto non pericolosi); sarebbero state effettuate verifiche sui materiali in ingresso, prelevandone dei campioni.  La Giunta si dichiara infine contraria ad aumentar e la quota di materiale da incenerire proveniente da fuori consorzio e anzi dichiara di optare per una diminuzione delle quantità generali da avviare all’ incenerimento presso ACCAM.

Accogliamo positivamente la risposta dell’ assessore, soprattutto quella a livello politico in merito al futuro di ACCAM, ma manifestiamo seria preoccupazione per quanto è avvenuto e sta avvenendo. Riteniamo sia

urgente verificare i risultati delle analisi effettuate sui campioni prelevati dalle ecoballe incenerite, oltre che vigilare affinchè tali conferimenti non si ripetano in futuro.  Accam, ed il suo futuro, in questo momento è un punto aperto molto importante su cui tutto il Movimento 5 Stelle dell’ alto milanese e non solo si sta spendendo. La sua chiusura, prevista nel 2017 e poi posticipata al 2021, ad oggi non è per niente scontata ed occorre lo sforzo di tutti affinchè quanto previsto si realizzi.

  • Punto 5, interrogazione presentata dal Movimento 5Stelle riguardante “DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA DI PREVENZIONE VACCINALE, DI MALATTIE INFETTIVE E DI CONTROVERSIE RELATIVE ALLA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI

Interrogazione che nasce da diverse segnalazioni che abbiamo ricevuto da vari genitori dopo che sono stati contattati dalle segreterie scolastiche in merito all’ adempimento degli obblighi vaccinali, e a cui è stata paventata la possibilità di esclusione dei loro figli e di accertamenti della loro posizione da parte delle segreterie stesse (cose non possibili, per legge).

Ci risponde l’assessore Gasparri, in cui, dopo aver ribadito che la competenza comunale è solo per il nido mentre per gli altri istituti resta quella ministeriale, a cui il comune non intende sostituirsi, ci informa che sono stati evidenziati 2 casi, nel nido , di bambini non vaccinati ma la cui gestione della procedura era in corso con ATS (unica competente in merito), mentre per le altre scuole risultavano 7 – 8 casi non completamente in regola. Dichiara inoltre che il comune si renderà disponibile a tenere degli incontri con le famiglie coinvolte per chiarire la situazione.

Sulla questione ribadiamo che occorre mantenere alta l’attenzione, visto che una norma pessima, fatta da un ministro altrettanto pessimo come la Lorenzin, norma che presenta evidenti caratteri di esclusione, nella sostanza non si riesce nemmeno ad applicare, talmente è malfatta. Siamo comunque sensibili all’ argomento e continueremo a vigilare.

  • Punto 6, “PRIMA VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2018”.

Variazione motivata dall’ adeguamento dovuto al rinnovo di alcuni appalti, tra cui la gestione del campo di via Barbara Melzi. Considerando che abbiamo a suo tempo espresso parere negativo sul bilancio 2018, riteniamo doverosa l’ASTENSIONE. La delibera viene quindi approvata con 11 SI e 4 ASTENUTI

  • Punto 7, “APPROVAZIONE DELLA CONVENZIONE CON ASST OVEST MILANESE PER GLI ADEMPIMENTI PREVISTI DAL DPR 10.09.1990 N 285 –REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA-

La convenzione con ASST è necessaria per assicurare alcuni servizi di polizia mortuaria, previsti per legge, che il comune non può assolvere in proprio. Niente da segnalare. Votiamo a FAVORE, la delibera viene approvata con 13 SI e 2 AST

  • Punto 8, “APPROVAZIONE RELAZIONE EX ART 34 COMMA 20 DEL DL 179/2012 IN MERITO ALLA GESTIONE DEL CENTRO SPORTIVO DI VIA BARBARA MELZI

Si porta in votazione la relazione dirigenziale propedeutica all ‘emissione del bando per la gestione del campo sportivo di via Barbara Melzi. Niente da segnalare. Esprimiamo voto FAVOREVOLE, la relazione viene approvata all’ unanimità.

  • Punto 9, “APPROVAZIONE RELAZIONE EX ART 34 COMMA 20 DEL DL 179/2012 IN MERITO ALL’ AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELL’ ASILO NIDO

Come per il punto precedente, si vota la relazione propedeutica all’ emissione del bando per la gestione dell’ asilo nido comunale. Niente da segnalare. Esprimiamo voto FAVOREVOLE, la relazione viene approvata all unanimità.

  • Punto 10, “APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L’UTILIZZO DELLE AREE E DEGLI IMMOBILI COMUNALI PER FESTE E MANIFESTAZIONI

È il famoso Regolamento Area Feste, da noi voluto ed ottenuto grazie ad una mozione a 5 stelle risalente al dicembre 2014. A seguito della mozione era stato istituito un gruppo di lavoro (composto da cittadini, a costo zero) che aveva redatto il regolamento. I lavori erano stati ultimati nell’ estate del 2015, e da qui il regolamento aveva subito una scientifica opera di impantanamento. Il regolamento del gruppo di lavoro era stato redatto secondo criteri di maggior sostenibilità ambientale, intervenendo con incentivi per chi organizzasse feste a basso impatto ambientale (stoviglie riciclabili, corretta gestione dei rifiuti ecc) e disincentivando, al contrario, gli eventi la cui attenzione per l’ambiente fosse stata scarsa. Inoltre, il regolamento interveniva per tutelare lo stato dei beni comunali, prevedendo verifiche, cauzioni e norme, salvaguardando il bene comune da usi poco responsabili o superficiali. Purtroppo, l’amministrazione, ad un primo giro di consultazioni tra le varie realtà associative organizzatrici di eventi, non se l’è sentita di compiere questo passo, ed ha pensato di rimandarlo all’ infinito. Da allora ciclicamente abbiamo sollevato il problema in tutte le sedi possibili, dalle commissioni preposte (prima fra tutte Affari Generali, competente per i regolamenti, ma anche Urbanistica, per la questione rifiuti) fino al Consiglio Comunale, che da allora ha approvato numerosi nuovi regolamenti, spesso a tempo di record. Le scuse che la maggioranza ha accampato per rimandare all’ infinito l’approvazione sono state numerose: dalla necessità di adeguare gli altri regolamenti coinvolti e richiamati da questo, al fatto che non esistesse una mappa precisa dei luoghi normati dal regolamento, fino al fatto che occorresse il parere di tutte le associazioni coinvolte. Va anche aggiunto che, rispondendo alle nostre pressioni nel corso dell’ ultima commissione Affari Generali che aveva valutato il regolamento, nel marzo 2018, il capogruppo di VR (Ielo) e la presidente di commissione (Boboni) avevano assicurato che era volontà dell’ amministrazione portare il regolamento nel primo consiglio comunale per renderlo operativo già  dalla stagione estiva 2018, volontà che era poi stata riconfermata dal capogruppo di VR nel corso della conferenza dei capigruppo del marzo 2018. Invece era intervenuto in merito il Sindaco, prima dello stesso consiglio, chiedendo ai capigruppo di ritirare il punto all’ ordine del giorno, per permettere di valutare con le associazioni il regolamento stesso. Evidente invece la volontà di rimandare ulteriormente la sua approvazione, dato che alle associazioni era già stato proposto il regolamento in valutazione (sono tre anni che circola). Risultava quindi evidente la volontà della giunta di portare in approvazione il regolamento solo dopo questa stagione estiva, in maniera che fosse applicato solo per le feste del 2019, ovvero DOPO LE PROSSIME ELEZIONI AMMINISTRATIVE.  Abbiamo fatto presente queste nostre forti critiche sull’ operato della Giunta, aggiungendo che tutte queste attenzioni per le associazioni in merito ai nuovi regolamenti, non ci sono mai state, nè hanno molto senso, visto che tutti i lavori a riguardo si sono tenuti in COMMISSIONI PUBBLICHE, a cui le associazioni avrebbero potuto tranquillamente assistere; inoltre, il punto successivo all’ odg prevedeva l’approvazione del regolamento di polizia urbana, regolamento che ha richiesto UNA seduta di commissione e ZERO passaggi tra le associazioni, nonostante il suo impatto, soprattutto sui commercianti, fosse notevolmente maggiore di un regolamento area feste. Evidente quindi che le cose stanno esattamente come le abbiamo descritte. Non riuscendo ad uscire dall’ empasse, il Sindaco quindi, che non voleva bocciare il regolamento, nè assumersi la responsabilità di ritirarlo, ha prima proposto di metterlo ai voti rendendolo operativo però solo dal 2019 (caso unico nella storia) e poi, non riuscendo a sostenere la logicità di tale richiesta, ha deciso di mettere ai voti il suo posticipo, sospendendolo. La proposta, per cui siamo stati fermamente CONTRARI, messa ai voti è stata approvata, con 1 NO, 1 ASTENUTO e 14 SI. Purtroppo questi giochetti da vecchia politica democristiana pare non abbiano a finire, purtroppo la formazione e mantenimento del consenso elettorale prevalgono ancora sugli interessi dei cittadini. Sostenibilità ambientale, etica, ambiente, sono tutti concetti che passano in secondo piano rispetto al pacchetto di voti che si rischierebbe di perdere con provvedimenti di responsabilità. Siamo amareggiati.

  • Punto 11, “APPROVAZIONE DELLA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

Per l’approvazione del presente regolamento, tutte le accortezze messe in atto per il punto precedente sono state ignorate; il regolamento ha richiesto una singola seduta di commissione e zero incontri con le associazioni. Due pesi e due misure (oppure un peso e una misura: la convenienza politica…). In ogni caso, in commissione siamo riusciti a far introdurre , nell’ articolo 31, il DIVIETO DI ESPLODERE PETARDI , MORTARETTI (cat. F3 e F4) E SIMILI IN LUOGO PUBBLICO SENZA PREVENTIVA AUTORIZZAZIONECOMUNALE. E’ una parziale attuazione di quanto richiesto dal Movimento 5 stelle nell’ aprile del 2017, quando chiedevamo di vietare i botti pirotecnici sul territorio comunale. Con questa modifica saranno vietati su tutti i luoghi pubblici, e qualunque cittadino potrà, in virtù del divieto, avvalersi dell’ intervento delle forze dell’ ordine, qualora la norma non fosse rispettata. Consideriamo questa modifica una parziale vittoria, e ne siamo contenti. Al voto il regolamento viene approvato all’ UNANIMITA’

  • PUNTO 12,  mozione presentata da TURCONI, gruppo misto, inerente la “DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE AMMINISTRATIVE COMUNALI IN TEMA DI SICUREZZA URBANA

La mozione presentata, fatto il punto sulla situazione inerente la sicurezza cittadina, che viene percepita come bassa, impegna l’amministrazione a definire con chiarezza le strategie da mettere in atto a riguardo.

Il Sindaco contesta immediatamente la coerenza della mozione che di fatto non prevede alcuna azione concreta da mettere in atto, ritenendola una semplice interrogazione. Tutta il dibattito prende la piega di disquisizioni su lana caprina. La nostra posizione in merito è stata che l’approvazione, pur non contenendo elementi operativi, non avrebbe comportato alcun danno a quanto già in essere o in programma, e al contempo avrebbe dato un segnale ai cittadini sul fatto che il consiglio comunale ha (o dovrebbe avere) a cuore la questione. La maggioranza invece, dopo essersi trincerata in un rifiuto totale della mozione, la fa naufragare. Al voto che per il Movimento 5 Stelle è stato FAVOREVOLE, viene RESPINTA; con 5 SI, 1 ASTENUTO  (cons. Montagna) e  10 NO (il gruppo di Vivere Rescaldina).

  • PUNTO 13, mozione presentata congiuntamente dal MOVIMENTO 5 STELLE e dal gruppo NOI X RESCALDINA per “APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA REGISTRAZIONE DELLE COMMISSIONI CONSILIARI

A riguardo, va premesso che su richiesta e insistenza del MOVIMENTO 5 STELLE, le commissioni consiliari pubbliche da quasi due anni vengono registrate in audio, in nome della trasparenza. Purtroppo il materiale registrato non viene messo a disposizione dei cittadini, ma solo dei consiglieri facenti parte delle commissioni. A nulla sono valse le nostre numerose richieste e proteste in merito, la risposta è stata che senza un apposito regolamento, le registrazioni non si sarebbero diffuse; ovviamente in tutto questo lasso di tempo, nessun regolamento è stato approntato. Abbiamo quindi pensato, d’accordo con NOI X RESCALDINA, di redigerne uno, pratica inconsueta , visto che i regolamenti vengono redatti dalla Giunta e dagli uffici e poi aggiustati nelle commissioni. Riteniamo che sia un grande passo avanti verso la trasparenza il mettere a disposizione di tutti i cittadini le registrazioni delle commissioni, dato che è proprio nelle commissioni che si può valutare l’operato dei “politici”, e che, data la mancanza della “pubblica opinione”, spesso i politici in sede di commissione tengono atteggiamenti e prendono decisioni ben diverse dagli impegni presi a favore di camera o di microfono. E’ soprattutto nell’ operato in sede di commissione che si può valutare un rappresentante politico, lontano dai riflettori ma vicino agli atti concreti. Quando una norma è stata discussa in commissione, il nostro rappresentante come si è comportato? Ha portato la nostra voce? Ha collaborato per migliorarla o lottato per bloccarla se ritenuta scorretta? La discussione che è seguita, in cui si sono dimostrati tutti favorevoli all ‘iniziativa, ha visto solo la proposta di un emendamento per rendere la proposta di regolamento “bozza”, permettendo così l’intervento per eventuali modifiche (migliorative, diciamo noi). Approvato l’emendamento, anche la mozione è stata approvata, all’ UNANIMITA’. Riteniamo anche questa una GRANDE CONQUISTA DEL MOVIMENTO 5 STELLE in tema di TRASPARENZA, conquista che permette di fare un altro passo aventi verso la trasformazione del comune in una scatola di vetro.

Dopo questo ultimo punto, la seduta viene sciolta, e siamo liberi di tornare nei nostri alloggi. Dal fronte è tutto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Commenti protetti da WP-SpamShield Spam Plugin