«

»

Nov 03

PAROLE PAROLE PAROLE

PAROLE PAROLE PAROLE

Parole, parole parole, soltanto parole, parole tra noi.

 

Così cantava qualche decennio fa una donna al proprio compagno, generoso con le parole ma ben poco coi fatti. E così potrebbe cantare anche qualunque cittadino oggi all’ amministrazione arancione, che si dimostra molto abile con le parole, ma bene attenta a non tradurle in pratica.

Ma da dove arriva una considerazione così tranciante? Perché un giudizio negativo nei confronti della giunta, che tanto si prodiga per il benessere dei cittadini e per salvare il comune dal generale degrado? Perché così duri per un team che lascia chiaramente intendere, come Luigi XV, che “dopo di noi il diluvio”?

Consiglio comunale del 22 settembre.

Si porta in approvazione il DUP (Documento Unico di Programmazione), un malloppone in cui sono raccolte le linee programmatiche da seguire nel triennio successivo, un compendio di quello che si sta facendo e si farà a breve e nel medio termine.

Innegabilmente viene proposto un documento ambizioso , buono nelle sue proposte, ma che mette subito in evidenza alcune scollature tra l’ ”immaginario” e il “reale”.

Tra gli obiettivi strategici, alla voce 1 troviamo la PARTECIPAZIONE.

·         Aprire alla partecipazione gli organi decisionali (sedute di commissione, consigli comunali)

·         Rilanciare il periodico “Partecipare” quale organo indispensabile di informazione

·         Migliorare l’ascolto dei cittadini per intercettare i bisogni e fornire risposte

Peccato però che la giunta abbia preso la simpatica abitudine di NON ATTUARE LE MOZIONI approvate in consiglio comunale, quando proposte dall’opposizione, tipo vietare i botti di capodanno o approvare il regolamento di gestione delle aree feste ,alla faccia dell’ ascoltare i cittadini… (sulla questione bat box invece, la cui installazione è stata prima approvata, poi negata e poi smentita la negazione, ora forse si riuscirà a partire.)

Peccato che in occasione della revisione del regolamento del Comitato di Redazione del Periodico Partecipare, alla nostra proposta che la politica faccia un passo indietro e riconsegni ai cittadini la gestione del periodico (adesso i redattori sono nominati, per quote, dai partiti politici), la maggioranza si sia fermamente opposta. Peccato anche che il “Partecipare” oramai si sia trasformato in un Peana alla giunta, un continuo e imbarazzante autolodarsi, che nemmeno nella Bulgaria degli anni 70 si arrivava a tanto.

Peccato che la giunta ignori sistematicamente tutte le proposte dei consiglieri legittimamente eletti dai cittadini, escludendo così dalla possibilità di interazione con la cosa pubblica la maggior parte dei rescaldinesi (si, perché l’opposizione insieme rappresenta la maggioranza numerica, con VR che è il gruppo di Maggior MINORANZA)

Alla voce 3 ci aspetta il tema della TRASPARENZA

·         Favorire lo scambio Amministrazione-cittadini e viceversa, attraverso il potenziamento dei sistemi informatici

Ancora chiacchiere però, visto che su iniziativa del Movimento 5 Stelle, da un anno e mezzo le commissioni sono registrate, ma, nonostante le nostre insistenze, le registrazioni non vengono messe a disposizione dei cittadini…Ahi ahi ahi…alla faccia della trasparenza.  Qualcosa da nascondere?

 

Voce 10, COMMERCIO, ARTIGIANATO e IMPRESE

·         Valorizzazione e difesa del piccolo commercio

Anche in questo caso, il percorso della giunta Cattaneo per consentire l’ampliamento del centro commerciale Auchan (25 mila mq in più di superficie, in gran parte negozi appartenenti a grandi catene di Franchising) indubbiamente va nella direzione opposta alla tutela dei piccoli commercianti, che saranno probabilmente costretti a chiudere….

 

Voce 12, STRUTTURA COMUNALE

·         Valorizzare il personale comunale

·         Ridurre la spesa per la politica

Già, peccato che nell’ era arancione i dipendenti comunali siano in fuga, con un emorragia inarrestabile di dirigenti e un generale malcontento dei dipendenti, che operando tra  grandi difficoltà (e spesso anche fastidiose ingerenze politiche) faticano a garantire i servizi ai cittadini.

Peccato anche che solo il Movimento 5 Stelle rinunci al proprio gettone presenza (abbiamo restituito oltre 2400 euro fino al 2016) destinandolo ad un fondo di solidarietà per famiglie in difficoltà, mentre le adesioni da parte della maggioranza alla nostra iniziativa siano state prossime allo zero. Peccato.

 

Voce 16, URBANISTICA

·         Ridurre il consumo di suolo

Qua la risata , amara, non si può trattenere.  Espansione Auchan, su di un bosco. Fortemente voluta dalla giunta Arancione. Non servono altre parole.

E per quanto riguarda il DUP ci fermiamo qua, ma potremmo andare avanti ancora. Sicuramente i cittadini hanno avuto modo però di constatare che la preannunciata rivoluzione tarda ad arrivare, e che dalla fortezza Bastiani dei Tartari nemmeno l’ombra…aspettiamo.

Ma arriviamo al Consiglio comunale del 20 ottobre 2017.

Premesso che per accordo tra i capigruppo dei gruppi politici, sia consuetudine convocare i consigli comunali l’ultimo venerdì del mese, permettendo così ai vari consiglieri di organizzarsi con i propri impegni in anticipo.

In questo caso, a settembre, veniva prospettato un anticipo del consiglio ottobrino al 13 , per permettere l’approvazione del documento di bilancio, improrogabile.

Al 13 però del consiglio non si ha notizia, e, durante la commissione Affari Generali, incaricata di presentare il documento di bilancio oggetto dell’ urgenza, lo stesso assessore rimarcava il fatto che non ci fossero scadenze improrogabili legate allo stesso (tutto registrato, ovviamente, ma non pubblico). Ottimo. Il 12 ottobre, alla conferenza dei capigruppo, la presidenza del consiglio propone la convocazione per il 20 ottobre, ma tutti  i capigruppo (tutti)  si esprimono in maniera contraria; il 20 è l’unica data che non va bene per nessuno, nemmeno per il gruppo di maggioranza. Qualsiasi giorno, ma non il 20, perché ci sarebbero numerosissime assenze. Qualsiasi giorno. Visto che non ci sono scadenze improrogabili quindi, perché ,no?

Bene. Il consiglio viene convocato proprio per il 20. Inutili le proteste, la riunione dei capigruppo propone, ma la giunta dispone. Buttando alle ortiche ancora una volta la PARTECIPAZIONE. L’assenza di gran parte dell’ opposizione e dello stesso capogruppo di maggioranza per la giunta non è un problema, ci penseranno i consiglieri di VR a garantire l’approvazione dei punti all’ ordine del giorno (affermazione messa nero su bianco, mica deduzioni nostre)…. L’opinione dei cittadini (ricordiamolo, la maggioranza dei cittadini) portata attraverso i propri rappresentanti eletti, purtroppo per la giunta Cattaneo rappresenta un inutile impiccio, che all’ occasione può essere tranquillamente rimosso.

Peccato, perché di giunte illuminate che esercitano il potere in maniera solistica come sta facendo la giunta Cattaneo, che cercano il confronto solo tra i propri fan, evitando la discussione nelle sedi istituzionali preposte, che prestano ascolto solo a chi li osanna, ignorando chi porta critiche o punti divista diversi, bhè, sinceramente di queste giunte possiamo farne anche a meno. E se qualcosa di buono è stato fatto dagli arancioni, e non saremo certo noi a negarlo, non è sicuramente barattabile con la perdita dei propri diritti. Altrimenti, vale il detto che quando c’era “lui”, i treni arrivavano in orario….

Insomma da parte arancione ancora  “parole, parole parole” o , se vogliamo attualizzare le citazioni, “bene, bene, bene. Ma non benissimo”.

 

A riveder le stelle.

 

Movimento 5 Stelle Rescaldina

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Commenti protetti da WP-SpamShield Spam Plugin