↑ Torna a IL PROGRAMMA

CAPITOLO 5 – SALUTE E SPORT, CULTURA, SICUREZZA E QUALITA’ DELLA VITA

Rimettiamo insieme i pezzi del puzzle

Interagire con le scuole per migliorare le loro potenzialità:

  1. supporto all’utilizzo SENSATO delle nuove tecnologie per la didattica e percorsi di sensibilizzazione sull’abuso degli stessi nella vita quotidiana a discapito di un contatto reale con il mondo.
  2. monitoraggio continuo ed eventuale integrazione pulizia ordine e decoro plessi come peraltro richiesto anche dal Consiglio dei bambini esposto al Consiglio Comunale il 26 Maggio 2018.
  3. monitoraggio continuo mensa e modifiche migliorative al bando e contratti verso il biologico e km 0.
  4. concretizzare il progetto di un luogo fisso per il “pomeridiamo” ed il progetto centro estivo anche d’inverno ovvero nei momenti di chiusura prefestiva delle scuole SIA nell’ambito del rinnovo contratti con le cooperative coinvolte SIA rivolgendosi ad altre realtà interessate. Si renderà vincolante e valore aggiunto l’insegnamento della gestione degli spazi pubblici: i bambini ed i ragazzi diventano responsabili dei loro luoghi.
  5. revisione critica del piano diritto allo studio nella parte inerente i progetti : l’ottica sarà quella di privilegiare le attività di base ed i progetti che richiederanno il coinvolgimento delle associazioni del territorio che offriranno i servizi pro-bono (o simili), destinando le risorse economiche risparmiate verso i capitoli riguardanti la riqualificazione delle strutture.

Valorizzare  Sport-Cultura-Tempo libero

  1. Valorizzazione delle consulte con coordinamento continuativo e partecipazione alle commissioni di loro competenza ovvero convocazione trimestrale del Presidente della Consulta in commissione per relazione.
  2. Censimento e riqualifica delle strutture dedicate alle attività’ (sport, cultura, sociale) valorizzando gli organismi preposti alla loro gestione e veicolando il budget destinato alle strutture in investimenti diretti sulle stesse senza passaggio da terzi.
  3. Istituzione Consulta dello Sport con le stesse prerogative delle altre consulte e creazione al suo interno di una figura che si interfacci con gli uffici di competenza (manutenzione, servizi pubblici ecc) per verificare le problematiche segnalate dagli utenti degli spazi e l’effettiva presa in carico della loro gestione.
  4. Istituzione giornata dello sport con attività diffuse in tutto il paese anche all’aria aperta ed in natura con  coinvolgimento scuole, Consulta, associazioni interessate.
  5. Revisione tariffe uso sale/impianti con agevolazioni in base a tabella di priorità che agevoli le associazioni di Rescaldina, quelle che hanno tra i soci anziani, bambini, diversamente abili. Tutte le associazioni per usufruire degli spazi presenteranno bilanci e documentazione che le qualifichino come tali.
  6. Ogni associazione sportiva avrà diritto a 1 ora gratuita alla settimana, e le successive a tariffa progressiva crescente, agevolando così le piccole società che occupano per poche ore gli impianti e sostenendo la diffusione anche degli sport minori.
  7. Trasparenza su procedure richieste spazi comunali in affitto stimolando l’uso di questi spazi anche da parte del privato cittadino con benefici sia per il comune che per il cittadino stesso.
  8. Assegnazione di borse di studio per chi realizza studi storico artistici letterari su Rescaldina all’interno del percorso universitario.
  9. Assegnazione borse di studio per studenti meritevoli nel passaggio da scuola media a istituti superiori.
  10. Valorizzazione della biblioteca quale centro culturale del paese.
  11. Organizzazione Giornata della Cultura a gestione della Consulta.
  12. Istituzione dell’Agosto Rescaldinese: durante i 31 giorni di Agosto presso il Bassettino, riqualificato anche in collaborazione con le associazioni ed i cittadini (offrendo ai ragazzi per primi la possibilità di partecipare) ci saranno iniziative per chi resta a casa . La gestione sarà affidata a tutte le consulte: cinema all’aperto, concerti, serate danzanti ed altre iniziative di intrattenimento rivolte a tutte le età.
  13. Istituzione della Festa dei Popoli intesa come scambio culturale e vera occasione di integrazione: per imparare a rispettarsi e rispettare le radici e le tradizioni di tutti si dà il buon esempio celebrando le tradizioni locali. Il primo appuntamento sarà dedicato al nostro paese : Rescaldina ; così chiunque avrà l’occasione di conoscere tradizioni storia ed usanze popolari locali , racconti dei paesani e cucina compresi . In seguito si partirà con le proposte da parte di cittadini di diverse origini . Nessuno si deve sentire derubato della propria identità culturale, l’abbondanza delle diverse culture fa ricco un paese.
  14. Valorizzazione auditorium con istituzione Festival del Cinema con coinvolgimento delle realtà già operative sul territorio, le scuole, Consulta Giovani ed altri gruppi anche spontanei di amatori.

sostenere la Salute

  1. Campagna di informazione sull’uso di farmaci generici e fuori brevetto, equivalenti e meno costosi rispetto ai farmaci “di marca” (che in Italia costano spesso di più che all’estero) e più sicuri rispetto ai prodotti di recente approvazione, abbinata a livello comunale ad un programma di educazione sanitaria indipendente e permanente sul corretto uso dei farmaci, sui loro rischi e benefici .
  2. Promozione di una politica sanitaria sul territorio comunale di tipo culturale, per promuovere stili di vita salutari e scelte di consumo consapevole, per sviluppare l’autogestione della salute (operando sui fattori di rischio e di protezione delle malattie) e l’automedicazione semplice, abbinata ad informazione sulla prevenzione primaria (alimentazione sana, attività fisica, astensione dal fumo) e sui limiti della prevenzione secondaria (screening, diagnosi precoce, medicina predittiva), ridimensionandone la portata, perché spesso rispondente a logiche commerciali.
  3. Realizzazione di attività di prelievo all’interno di una delle strutture comunali esistenti.
  4. Festa diffusa del Benessere nella bella stagione con attività sia all’interno che all’aperto.
  5. Lotta alla ludopatia:  è una malattia e come tale la tratteremo, quindi il contrasto alle slot sarà affrontato anche come emergenza sanitaria.     
    1. STOP alle concessioni di licenze per nuove sale bingo, sale slot e rivendite oro, applicando tutto ciò che è previsto dalla legge ed inserendo provvedimenti ed ordinanze che impongono limiti drasticamente restrittivi all’uso delle unità già presenti sul territorio.
    2. Verranno intensificati i controlli verso gli esercizi che non rispettano le restrizioni e tutti coloro che usufruiscono di supporti economici comunali dovranno firmare una dichiarazione in cui si impegneranno a non utilizzare le slot ed ogni altra modalità di gioco d’azzardo pena la sospensione immediata degli aiuti. Questi provvedimenti saranno affiancati da stretta vigilanza da parte degli organi preposti.

Per la Sicurezza, la Comunità , Dignità e Centralità dell’individuo

  1. Presidio della Polizia Locale in stazione e valorizzazione del loro operato con maggiore presenza sul territorio tramite mezzi più agili quali bici (anche elettriche), consentendo un contrasto più immediato alle situazioni di loro competenza.
  2. Nell’ ambito del contrasto allo spaccio di droga, intervento di controllo e repressione sugli “acquirenti”. Visto che lo spaccio avviene prevalentemente agli ingressi dei boschi, soprattutto lungo la rete stradale periferica, verranno poste sotto osservazione costante queste zone da parte della polizia locale, anche con l’ausilio di telecamere e fototrappole. L’acquisto di stupefacenti diventerà un operazione molto rischiosa per l’acquirente, verso cui scatteranno tutti i controlli, i fermi e le sanzioni previste dalla legge.
  3. Coinvolgimento diretto  di chi usa gli spazi e chi vive in luoghi dove si registrano problemi di sicurezza o disagio: instauriamo un appuntamento fisso di ascolto con presenza della Polizia Locale,  effettuiamo una valutazione collettiva per l’ installazione di telecamere di nuova generazione collegate direttamente nell’ufficio della Polizia Locale da localizzare nei punti dove se ne sia registrata la  necessità. Diamo ai cittadini ed alle associazioni che svolgono le loro attività in luoghi sensibili il supporto per ampliare la presenza sul territorio tramite iniziative di socialità e festa.
  4. Consiglio Comunale Itinerante per portare l’amministrazione comunale in luoghi dove si registrano  problematiche sentite.
  5. Patrocinio corsi di difesa personale, gestione delle situazioni difficili, incontri che affrontino i temi di problematiche legate anche alle nuove tecnologie (cyberbullismo ecc) nell’ottica di dare ai cittadini strumenti concreti per sentirsi più sicuri con la conoscenza della realtà delle cose e rivivere serenamente il paese.
  6. Concorso permanente di arte urbana rivolto ai giovani per la riqualificazione estetica delle aree grigie.
  7. Supporto logistico per l’incontro e la creazione spontanea di gruppi di mutuo aiuto in cui lavoratori disoccupati possano scambiarsi prestazioni lavorative o servizi (come nell’esempio delle banche del tempo) ed anche offrire servizi dietro compenso economico a chi ne ha bisogno e secondo le modalità già previste dalla legislazione.
  8. Pubblicizzazione e supporto dei nidi-famiglia, badanti di condominio e altre iniziative simili.
  9. Supporto alla disabilità: formazione specifica degli operatori soprattutto sulle novità burocratiche per consentire alle famiglie di conoscere ed accedere ad ogni forma di supporto prevista dai vari enti.
  10. I cittadini che usufruiscono di sostegni e supporti al reddito o alla situazione abitativa  da parte del comune, qualora la situazione personale lo consentisse, saranno coinvolti a collaborare con la collettività, attraverso  gli strumenti del baratto amministrativo e della cittadinanza attiva.