↑ Torna a IL PROGRAMMA

CAPITOLO 6 – RECUPERO, VALORIZZAZIONE ED ECONOMIA

Per avere valore valorizziamo l’esistente

  1. Stop ai centri commerciali. Tutela del commercio di prossimità.
  2. Rescaldina FUORI DALLE MURA: 
    1. in primavera/estate per una sera a settimana daremo uso gratuito degli spazi antistanti qualsiasi negozio e le piazze o altri spazi aperti e liberi ad uso associazioni,  portando a vivere fuori dalle mura di casa il paese ed il centro.
    2. chiederemo ai cittadini e agli ambulanti coinvolti se è utile e gradito svolgere in giorni diversi i mercati di Rescalda e Rescaldina per dare valore e più afflusso ipotizzando anche un allargamento area per quello di Rescalda.
  3. Incentivo al commercio: per i primi 2 anni le attività commerciali e aggregative usufruiranno dello spazio pubblico antistante le attività stesse a titolo gratuito (fatti salvi i limiti imposti dai regolamenti). Dal terzo anno saranno escluse dalla gratuità le attività che dispongono di “slot machine”. Saranno escluse dal regime di gratuità le strutture con superfici di vendita superiori a 500 mq.
  4. Creazione di un fondo di garanzia che supporti l’accesso al MICRO CREDITO delle piccole imprese.
  5. Abolizione della “tassa sull’ ombra” per i piccoli esercizi commerciali.
  6. PROGETTO VILLA RUSCONI – Restauro completo e realizzazione nei tre piani esistenti di:
    1. Centro aggregazione giovanile con aula studio attrezzata con le moderne tecnologie, da mettere a disposizione degli studenti universitari anche in orari serali.  La gestione operativa del centro sarà affidata alla Consulta Giovani.
    2. Creazione di un primo punto di Co-working-Incubatore di impresa del paese, in cui il comune renderà disponibile una struttura dove start up e piccole imprese avranno a disposizione un ufficio dotato dei servizi minimi necessari per la gestione della propria impresa (rete, telefono, arredi)  e potranno utilizzare in condivisione con gli altri utenti una sala riunioni, un centralino, un servizio stampa ecc. Questo permetterà alle giovani imprese di abbattere quei costi fissi che nei primissimi anni di avvio dell’ attività incidono in maniera drammatica sul bilancio delle nuove piccole imprese, spesso inficiando la buona riuscita dell’ impresa.
    3. Sala congressi attrezzata, di giorno in uso a Co-working, di sera a disposizione delle associazioni e dei cittadini.
  7. PROGETTO VILLA SACCAL. Restauro del bene sfruttando anche il coinvolgimento dei privati per realizzare un polo dedicato alla salute, ai servizi di cura e assistenza e al benessere.
  8. Istituzione sul sito del comune di un registro contatti delle imprese individuali presenti sul territorio per permettere ai cittadini il facile reperimento di artigiani e professionisti per le loro necessità, in modo da sostenere l’economia locale e fornire un servizio utile ai cittadini.